mercoledì 13 giugno 2012

Le vie del cinema da Cannes a Roma: The We and the I di Michel Gondry

Michel Gondry è un regista che stupisce sempre, originale, creativo, almeno quando realizza opere indipendenti come nel caso di The We and the I, il suo ultimo lavoro presentato alla Quinzaine des Réalisateurs (selezione parallela, non in concorso, del Festival di Cannes).

Continua qui.

3 commenti:

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Molto attuale.

eustaki ha detto...

ciao bianca, volevo salutarti.
per quanto riguarda gondry, non sono riuscito a farmi piacere neanche un suo film. penso che sia un eccellente regista di video musicali...

a presto

Biancaneve ha detto...

Ciao Eustaki,
grazie per essere passato a farmi un saluto, mi fa piacere, anche io passo sempre da te, pure se non commento. ;-)

Guarda, quest'ultimo a me è piaciuto molto, così come "L'arte del sogno", ma ritengo ad esempio che il suo famosissimo "Eternal Sunshine of the Spotless Mind" sia stato molto sopravvalutato. Credo che sia un regista che debba ancora crescere, lodevole però il fatto che sperimenti sempre, che cerchi ogni volta contenuti e strade diverse per esprimersi.
Un saluto, a presto. :-)