sabato 17 febbraio 2018

L'insopportabile leggerezza della libertà


Un film di diversi anni fa che ho molto amato è Respiro di Emanuele Crialese.
Ambientato sull'isola di Lampedusa, segue le vicende di una donna, Grazia, interpretata da Valeria Golino, spirito libero e indipendente, selvaggio, all'unisono con la natura dell'isola. Con i figli ha un rapporto molto istintivo che si esprime con manifestazioni di affetto molto fisiche.
La fisicità è il segno della sua espressività.
Proprio per questa sua impossibilità - intesa come resistenza, come valore positivo, quindi - a reprimere una natura sensuale e indomita - purtroppo insopportabile all'interno di una cultura maschilista e patriarcale - viene giudicata pazza. 

Mi è tornato in mente in questi giorni perché c'è una scena molto forte che riguarda dei cani randagi. Grazia non sopporta di vederli rinchiusi dentro le gabbie e così li libera. 
Uno spirito libero come lei non può che desiderare di liberare tutto ciò che vive. 
Così i branchi di cani randagi si riversano per le strade dell'isola, ma vengono brutalmente uccisi. Le strade si ricoprono di una lunga scia di sangue. 
I cani liberi, come Grazia, mettono in discussione l'ordine costituito e gerarchico delle cose. 

Purtroppo certi fatti continuano ad accadere veramente. 
A Sciacca, in provincia di Agrigento, in questi giorni sono stati brutalmente assassinati trenta cani randagi. 
La loro colpa: quella di essere liberi, non addomesticati. 

L'uomo, che tutto vuole controllare e dominare, non sopporta l'idea di assistere allo spettacolo dionisiaco della libertà. 


giovedì 15 febbraio 2018

Vegani e vegani


Le ultime news dicono che in Italia diminuisce il numero dei vegani.
Ma sarebbe più corretto dire che diminuisce il numero di chi ha pensato che la scelta vegan fosse una dieta, uno stile di vita, una moda transitoria.
Tutt'altra questione è invece la scelta di chi ha smesso di mangiare animali e prodotti del loro sfruttamento per giustizia e lotta contro l'oppressione e lo sterminio di individui senzienti.
In questo caso non parliamo di numeri, ma di determinazione che accresce con il tempo poiché quando si smette di "vedere" gli animali come cibo non può che aumentare la voglia di difenderli e liberarli dalla schiavitù. Non siamo consumatori che seguono o abbandonano un trend, ma attivisti per la trasformazione del reale: da società fondate sul dominio a società basate sul rispetto e la solidarietà intra e interspecie che riconosce pari dignità a tutti gli abitanti del pianeta.

Foto: The Save Movement.

martedì 13 febbraio 2018

Terremoto


Posso affermare di avere un certo sesto senso per la scoperta di nuovi autori. Da poche righe, a volte dalla sola sinossi, capisco se è un romanzo che potrebbe valere la pena di leggere o meno.
Non mi sbaglio mai. 
Questo racconta la storia di una ragazzina e della sua famiglia che negli anni novanta si trasferisce da Roma a Los Angeles. 
Potrebbe essere una storia di formazione come tante altre, ma non lo è perché ha una sua astrattezza quasi metafisica. 
Il romanzo parla della ferita del vivere, della sofferenza e dolore che sempre comporta e di come certi luoghi, certe realtà, inaspriscano e formino il carattere più di altri, o forse, soltanto, lo rivelino più di altri.

Particolarmente straziante è l'intermezzo che racconta della vacanza in un'isola piccolissima delle Eolie; qui il pianto delle creature è un sottofondo costante e l'impotenza della piccola protagonista di fronte a leggi ferree e immutabili, che pure aveva cercato di smuovere e cambiare, si fonde con quella dell'asina Angelina, costretta a piegarsi di fronte all'arroganza del potere maschile.

La città di Los Angeles è una forza che imprime direzione alle azioni e alla sorte dei personaggi, una presenza dalla natura bipolare, quella squallida o buia dei quartieri suburbani e quella rarefatta, quasi mistica, dei sentieri contigui al deserto, con la polvere rossa dorata e la luce che filtra attraverso le querce che a poco poco sfilacciano il "costume di gomma" - una sorta di corazza protettiva metaforica - che la protagonista si è cucita addosso. 

"Cambiò posizione, tenendo un occhio vigile sulla casa sotto di noi. Io mi aggrappavo alle radici spezzettate che sporgevano dalla terra e tiravo indietro l'amaca verso la staccionata. Una brezza calda cominciò a soffiarmi sul collo e lungo le gambe, proveniva da molte direzioni contemporaneamente. Un respiro che mi accarezzava gli angoli degli occhi, rendeva i capelli elettrici. Ascoltavo i rumori del canyon e mi sembrava, per la prima volta, di avere accesso a quella magica sensazione losangelina che Max aveva tentato di spiegarci quando eravamo arrivati, quella luce inafferrabile e incoraggiante: il luminoso invisibile. In termini hollywoodiani era l'equivalente di un colpo di fortuna improvviso, qualcosa di divino che poteva guarirti all'istante dal dolore, dallo smog e dai rifiuti subiti. Ne ero talmente affamata che spalancai gli occhi, sperando di poterne estrarre l'essenza e conservarla dentro me, da qualche parte tra gli strati del mio costume di gomma. Spinsi l'amaca contro la staccionata, con ogni oscillazione esaminavo le particelle di quella luminosità e provavo ad accovacciarmi lì dentro. Annusavo l'aria pungente e guardavo il cielo azzurro. Ma appena cercavo di catturare quella sensazione, la luce si affievoliva. Gli oggetti tornavano dentro i loro contorni e il luminoso invisibile scompariva. "Se guardi troppo da vicino vola via" aveva detto Max. E aveva ragione."

La scrittura precisa e misurata e l'ampio respiro della narrazione sono una piacevole scoperta nel panorama italiano. 

L'autrice sembra mostrare anche una certa sensibilità verso gli altri animali; sensibilità che emerge a tratti in alcune riflessioni, frasi - "Il pensiero di un vitello fatto a pezzi e cucinato in padella con la salvia e il burro mi fece subito star male e non appena cominciò a farmi effetto il Vicodin lasciai annegare quel pensiero e sprofondai di nuovo in acqua". e, in generale, nella consapevolezza di condividere la stessa vulnerabilità nell'esser vivi.

lunedì 12 febbraio 2018

Tempi bui

In questo periodo sto eliminando dai miei contatti di FB tutti quelli che manifestano idee fasciste, razziste, maschiliste o comunque di tolleranza verso pensieri discriminanti e gerarchici. Lo facevo anche prima, in realtà, ma adesso sento il bisogno di annunciarlo e di invitarvi a fare altrettanto.

Credo che nel nostro paese - un paese che dovrebbe esser nato dai valori dall'antifascismo e della Resistenza - in realtà sia sopravvissuto un forte sentimento nostalgico verso gli anni bui del fascismo; un sentimento che evidentemente non si è mai spento del tutto, che è stato sempre alimentato, anche se non esplicitamente, ma che tuttavia veniva tenuto nascosto (o camuffato dietro una certa ambiguità di pensiero) poiché ci si vergognava di manifestarlo. 
Invece negli ultimi mesi, grazie alla propaganda di politici come Salvini, le persone che non sono in grado di comprendere i veri meccanismi della crisi e che purtroppo ragionano in maniera semplicistica, si sentono autorizzate a esprimere l'odio verso gli immigrati e pensieri che prima era impensabile sentir pronunciare ad alta voce sono stati nuovamente sdoganati.

Dopo la sparatoria di Macerata, un gesto dichiaratamente politico e rivendicato come tale, gruppi come Forza Nuova e altri hanno espresso consenso verso questo tipo di azioni. In varie parti di Italia sono apparsi manifesti e scritte inneggianti azioni simili ed esaltanti la figura dell'attentatore.
Se non è fascismo questo, cos'altro vi serve per rendervi conto che stiamo ripetendo la storia?

Pensate che tutti inizialmente avessero preso sul serio le folli idee criminali di personaggi come Hitler e Mussolini?
I più sottovalutavano le cose più gravi che dicevano e scrivevano, ma allo stesso tempo si fidavano di loro perché si presentavano come coloro in grado di riportare l'ordine e di far risorgere un paese, dopo che avevano identificato e servito su un piatto al popolo un nemico cui addossare tutte le cause della crisi economica. 
Un'operazione in realtà molto semplice, ma che trae in inganno le masse: si crea un nemico e ci si presenta come salvatore dallo stesso. Questo fa la propaganda, questo fanno i dittatori.

Tornando a noi, certamente non è che si ottiene chissà cosa facendo pulizia di contatti virtuali perché queste persone continuano comunque ad agire nella realtà, però credo che il gesto abbia una valenza comunque importante. Riporto e condivido le parole di Dario Martinelli a tal proposito: "Alla fine della fiera, il messaggio è che, forse-dico-forse, dovremmo alzare il livello dello scontro, e abbassare quello della tolleranza (sempre con metodi pacifici, ci mancherebbe - e la rimozione dai contatti è senz'altro una forma di protesta non-violenta). 
È in corso una sommossa antimorale sempre più sostenuta, e, sempre-forse-dico-forse, dobbiamo renderci conto che siamo nostro malgrado diventati partigiani di una resistenza della civiltà e dell'evoluzione. 
Ai tanti fallocefali che popolano i social come la vita non possiamo impedire di pensarla come la pensano, però possiamo "punirli" con il nostro disprezzo esplicito e fattuale. Gli possiamo dire chiaramente: "tu sei razzista, e io con te non ci parlo".

I fascisti, razzisti, omofobi, maschilisti dichiarati, si devono sentire socialmente stigmatizzati. 
Altrimenti si cade nel paradosso di alcune democrazie, cioè che per troppo tollerare, arriviamo a sdoganare e accettare anche idee discriminati e violente. 
No, non tutte le idee meritano di essere espresse e tollerate. Non quelle che esprimono misoginia, omofobia, razzismo o altre forme di discriminazione; non quelle che potrebbero portare al formarsi di società fortemente autoritarie.

domenica 11 febbraio 2018

Limiti del benessere animale


La maggior parte delle persone si dichiara contraria alla violenza sugli animali. È pronta a inveire contro qualsiasi tipo di maltrattamento su cani e gatti. Però giustifica quanto avviene dentro allevamenti e mattatoi poiché non è abituata a considerare maiali, mucche, polli, galline, vitelli, pesci alla stressa stregua degli animali cosiddetti domestici. 
Riconosce che soffrano e che abbiano un certo grado di senzienza al punto tale da condannare gli abusi, i maltrattamenti aggiuntivi e le condizioni in cui vengono allevati, ma non al punto da mettere in discussione il concetto di farli nascere appositamente e allevarli per trasformarli in prodotti.
Quindi, quando le si mostra un video o un'immagine o le si descrive una pratica, anziché dire "io non voglio esser complice di questo orrore", risponde che dovrebbero migliorare le condizioni degli allevamenti.
Che è un po' come se io vedessi un cane che sta per essere fatto a pezzi e senza fare nulla di concreto per fermare il suo assassino dicessi: "beh, ci vorrebbe proprio qualche legge per fare in modo che venisse fatto a pezzi in modi meno brutali".

La realtà degli allevamenti e dei mattatoi è quella mostrata nei tanti video di denuncia. Non è una realtà che può migliorare perché: uno, non sarebbe conveniente per il profitto; due, mercificare gli animali è la negazione più grande che si possa fare della loro individualità. 
O li si considera individui - e non è così nell'industria della carne, latte, uova, pesce perché sono solo risorse rinnovabili, considerati in virtù di una funziona specifica ("dare" carne, latte, uova ecc..) - o li si percepisce già come prodotti o macchine produttrici di qualcosa.
Nell'affermazione "dovrebbero esser trattati meglio" c'è una dissonanza cognitiva forte perché se si ammette che dovrebbero esser trattati meglio, allora significa che, seppur in una certa misura, si riconosce loro la capacità di sentire, soffrire, ecc., e però al tempo stesso si nega questa informazione per continuare a giustificarne la pratica di ucciderli e usarli nei modo più svariati.

Quindi, quando si dice di voler migliorare le condizioni degli animali negli allevamenti, intanto, continuando a comprarli una volta trasformati in prodotti, si sta dando appoggio esattamente a quella stessa realtà che ha provocato indignazione, secondo poi si sta confermando e rafforzando l'idea che mucche, polli, maiali, vitelli, pesci non siano singoli individui, non siano nemmeno esseri viventi, ma semplicemente risorse rinnovabili, merci, cose, oggetti.

E questo non è vero. Non sono oggetti, non sono macchine, non sono automi, sono individui intelligenti capaci di stringere relazioni, di vivere un'esistenza autonoma, cioè indipendentemente da noi (che non siamo il centro dell'universo, misura e motore di tutte le cose) e non esistono per soddisfare i nostri capricci, il nostro palato, men che meno per darci profitto economico.

Bisogna sforzarsi di studiare CHI sono gli altri animali, se proprio non si vuole o non si ha la possibilità di osservarli dal vivo. E si scoprirà che quelle che la maggior parte delle persone pensa esser esistenze limitate, in realtà sono mondi che esistono al di là dei confini della percezione della loro mente.

I limiti del "benessere animale" sono i limiti della nostra mente.

sabato 10 febbraio 2018

Liberare, non comprare!


Pasqua si avvicina e con essa quella che sembra esser ormai diventata una prassi sbagliatissima e antitetica al concetto di liberazione animale: la compravendita di agnellini per salvarli dal mattatoio.

Molti allevatori iniziano a farlo per business, ossia mettono in vendita i cuccioli che scarterebbero poiché non sani oppure vendono quelli che non sono riusciti a smaltire con il mercato.
Così facendo strumentalizzano l'ingenuità delle persone e continuano a mercificare gli animali.

Purtroppo, non ci sono buone notizie nemmeno sul versante opposto: spesso sono proprio alcune associazioni, gruppi o singoli a creare eventi per fare delle collette finalizzate all'acquisto di agnelli, previo accordo con aziende e allevatori.

Salvare un individuo è un'azione immensa. Ma quando dico salvare, intendo "liberare" tramite azione diretta, o al massimo farsi regalare. Ma mai pagare. Pagando si fa il gioco degli allevatori, il gioco del sistema economico che considera gli animali mere risorse rinnovabili.

Pensateci!

venerdì 9 febbraio 2018

Facile!


La questione alla fine è molto semplice: se possiamo vivere senza mangiare animali (senza indossarne le pelli, senza tenerli prigionieri nei circhi ecc.) perché farlo?

Interessi economici e abitudine possono essere una giustificazione valida? Lo sono solo per chi li sfrutta, per chi ne trae guadagno, ma tutti gli altri? 
Posso capire che l'allevatore voglia difendere i propri interessi ottenuti sulla pelle di individui senzienti (capire, ma non giustificare, ovviamente), ma il carnista, cosa starebbe difendendo esattamente il carnista? Il suo diritto a mangiare maiali, mucche, polli, vitelli? Il suo diritto a imprigionare, sfruttare, uccidere senza necessità? Il suo diritto all'uso della forza, della violenza, all'esercizio del dominio? Il suo diritto a far nascere individui per trasformarli in prodotti, in merci, in pezzi di carne dopo una breve esistenza di terribile reclusione in capannoni fetidi? Il suo diritto a sfruttare risorse del territorio, a inquinare, a distruggere foreste, a consumare ingenti risorse di acqua, cereali e vegetali per ingrassare questi animali anziché sfamarci direttamente l'intera popolazione mondiale?

Non c'è necessità. Non siamo animali carnivori obbligati.

Tutto questo non vi importa, pensate che non vi riguardi?

Vi sbagliate. Il maggior carburante della violenza è proprio l'indifferenza o l'ignavia, o peggio, la mancanza di volontà di informarsi e di capire in che tipo di società viviamo e costringiamo a vivere migliaia di individui.

domenica 4 febbraio 2018

Modi di dire violenti


Sentire le persone che parlano del pollo, del maiale, del vitello, dei pesci, della gallina come se fossero prodotti alimentari mi provoca un dispiacere enorme. 
Nell'espressione "mangio il pollo, il pesce, il maiale ecc." è contenuta una violenza incredibile. Si nomina l'animale, ma allo stesso tempo se ne cancella l'individualità trasformandolo in un referente assente. Assente a livello cognitivo poiché non lo si vede più, sebbene sia presente in tutta la sua concretezza, anche se ormai fatto a pezzi nel piatto, e quindi reso irriconoscibile, trasformato in prodotto.

Ci provoca orrore l'idea di fare a pezzi qualcuno, ma accettiamo questa sorte per milioni di individui senzienti, intelligenti, pieni di voglia di vivere, sensibili e curiosi.

Mangiare la fettina di vitella significa "fare a pezzi un vitellino", mangiare il salame significa "fare a pezzi un maialino" e così via.